Share on facebook
Share on twitter
Share on pinterest
Share on whatsapp

Intervista a Clio Bargellini: musa del vintage e dell’eleganza senza tempo

Nella mitologia greca Clio è la musa del canto epico e della storia. Da queste parti, invece, è la musa del vintage e dell’eleganza senza tempo.

Diamo il benvenuto a Clio Bargellini, che in questa intervista si racconta con generosità, spiegandoci come è riuscita a trasformare il suo sogno in un lavoro meraviglioso. È una grande ispirazione, non solo per il suo stile e per la tenacia, ma anche per la grande verità – piena di speranza – che ci ha voluto trasmettere: non è mai troppo tardi per inseguire le proprie passioni. Conosciamola insieme… buona lettura!

Ciao Clio, mi racconti chi sei?
Ciao! Sono Clio e vivo in una piccola città emiliana. Sono una ricercatrice vintage, una content creator e – nei ritagli di tempo – anche una consulente di stile.

Quali sono state le tappe più importanti della tua vita?
La nascita di mio figlio e il giorno in cui ho deciso di cambiare vita, per dedicarmi alle mie passioni più grandi, rendendole un lavoro vero e proprio.

Dimmi di più… Qual è la tua storia?
Ho lavorato più di dieci anni per una compagnia aerea, ma coltivando sempre la mia passione per la moda. Dopo la nascita di Primo ho iniziato a vendere gli abiti che non mettevo più su Depop e da quel momento ho capito di aver trovato il modo giusto di esprimermi. Pur continuando sempre a fare un altro lavoro non ho mai lasciato da parte le mie passioni, perché fanno parte di me… ma lavorare con una divisa è difficile, soprattutto se ami utilizzare gli abiti per comunicare!

Ci sono stati dei momenti difficili, in cui hai pensato di non farcela?
Sì, ci sono stati. Ma probabilmente non era ancora il mio momento. E poi, a causa della pandemia, come tutti, ho passato tanto tempo a casa, dedicandomi alla creatività. A un certo punto ho preso coraggio e ho iniziato a parlare sui social (non avrei mai pensato di riuscirci!)… Il riscontro è stato potente. Quanto è bello trovare persone che ascoltano i tuoi consigli? Per me è stato l’inizio di tutto e oggi siamo qui.

Non hai mai smesso di credere nei tuoi sogni…
Sì, non ho mai smesso di credere che un giorno avrei realizzato il mio sogno più grande! Tutt’ora mi sembra impossibile – e per carattere non sono mai contenta –, quindi sto lavorando tanto per ottenere ancora di più. Ma vorrei dire che non è mai troppo tardi per mettersi alla prova: io sono riuscita a realizzare il mio sogno l’anno scorso, a 34 anni, e sono felice di come è andata, perché le consapevolezze che ho raggiunto nel tempo mi hanno resa una persona paziente, umile e pronta. Quando una passione è grande non ti lascia mai, anche se la lasci da parte, lei ti viene a cercare. A me è successo questo.

Che bello, grazie per queste parole! E ora ti chiedo, che cos’è per te l’eleganza?
Per me è innata, quindi l’associo sempre a una particolare attitudine. Trovo molto elegante chi risulta tale senza troppi sforzi… quindi per me è consapevolezza, semplicità e naturalezza.

Il capo d’abbigliamento a cui sei più legata?
Sicuramente il blazer.

Un look che ti rappresenta?
Ci sono diversi look che mi rappresentano, ma direi che un outfit «molto Clio» è questo: pantaloni da uomo, maglione, sneakers e trench coat.

E un altro, invece, che definiresti intramontabile… un passe-partout?
Il «mio intramontabile» è sicuramente: jeans, camicia con fiocchetto, blazer in tweed e ballerine (o mocassini).

Qualche volta, per chi non ha dimestichezza, il vintage può risultare difficile da capire, interpretare, ricercare e scegliere: che cosa diresti a chi non ha ancora capito bene come orientarsi in questo favoloso mondo?
Fondamentale, nella scoperta del vintage, è l’approccio… Perciò il mio consiglio è sempre di iniziare senza pregiudizi! Il classico «è da vecchio/a» deve abbandonare i nostri pensieri. Il consiglio che vorrei dare a chi non sa ancora come orientarsi è di affidarsi a venditori esperti e a chi fa divulgazione sull’argomento. Ma consiglio anche di giocare con i capi e provare a inserirli tra i classici del proprio armadio; di divertirsi a trovare etichette che non si vedono più e a leggere le composizioni dei capi, stupendosi di tessuti ancora perfetti dopo 30 o 40 anni! Insomma, suggerirei di buttarsi in questo mondo con entusiasmo!

Un consiglio di stile, per imparare ad abbinare i capi nel modo migliore e a valorizzare la nostra personalità?
Trovo molto utile l’armocromia, perché può aiutare a trovare una consapevolezza in più. È sempre più facile abbinare i colori che, prima di tutto, ci stanno bene! La personalità viene esaltata quando risultiamo a nostro agio, quindi direi di scegliere sempre capi che ci valorizzano e che ci fanno sentire confident. I miei sono i jeans, le t-shirt bianche e i blazer… ovviamente (sorriso).

Chi sono le tue muse?
Le mie muse sono tutte le donne che mi hanno cresciuta… nonne, mamma e zia. Poi sicuramente anche le icone anni ’90, che vedevo da piccola e che per me sono sempre e comunque le queen! Mi vengono in mente Amber Valletta, Shalom Harlow, Naomi, Christy Turlington, Kate Moss e come non citare Gwyneth Paltrow o Winona Ryder?

Qualche profilo su IG che ti ispira, da tenere d’occhio?
Ci sono profili a cui faccio affidamento per divertirmi e scoprire nuovi trend:
@leandramcohen, @blancamiro, @alwaysjudging, @lottaliinalove, @couturekulten, @majawyh

Il tuo rapporto con il mondo del beauty e della skincare?
Tengo molto alla mia pelle e, soprattutto dopo questi due anni passati con la mascherina, ho dovuto imparare curarla al meglio. I prodotti che amo di più sono i sieri, che utilizzo sempre: prediligo quelli oleosi, per utilizzare al meglio il gua sha. Per me è una coccola irrinunciabile, lo porto con me anche quando viaggio! Mi piace il make up fresco e naturale, e utilizzo spesso il fondotinta mixato a una goccia d’olio per il viso o a un siero, per l’appunto, per ottenere un effetto super glow! Infine dedico molta attenzione alle mie sopracciglia – un mio tratto distintivo, credo – le amo folte e scure e utilizzo gel e matita per farle risaltare al meglio. Aggiungo che alla mia pelle non piace il sole, si macchia facilmente, quindi non esco mai senza spf (che consiglio di usare tutto l’anno!). Oltre che per una questione di salute, ammetto di avere un debole per le carnagioni «lunari»… quindi si può dire che io sia una fan della protezione 50!

Ci sono dei profili che segui per ispirazioni beauty?
Sono ormai dipendente da @thebeautycall, la trovo divertente e super competente. E poi ovviamente @leitalienne, che seguo da tempo e che adoro!

Quali sono i tuoi progetti per il futuro?
I miei progetti per il futuro sono di riuscire a organizzare meglio il mio tempo, per potermi concentrare al 100% sui progetti del cuore. Sono molto scaramantica, quindi non dirò di più riguardo a questo… ma spero ci saranno tante cose bellissime da condividere con voi.

C’è qualcosa che non ti ho chiesto e che vorresti aggiungere prima di salutarci?
Sì, per concludere vorrei dire che mi sento molto fortunata ad avere una community così entusiasta, che capisce il mio stile e che si lascia ispirare dalle idee che condivido! Grazie!

Potete seguire Clio su IG: @cliobargellini
E scoprire la sua selezione di capi vintage sul suo sito: cliobargellini.com

ARTICOLI CORRELATI