Share on facebook
Share on twitter
Share on pinterest
Share on whatsapp

Informazioni utili sulle confezioni dei cosmetici

Quando acquistiamo un prodotto cosmetico, prendiamo davvero in considerazione tutte le informazioni che vengono riportate sulla sua confezione?

Negli ultimi anni è stata data sempre maggiore importanza quasi unicamente alla lista degli ingredienti, ma… è realmente utile leggerla? Cominciamo col dire che la risposta è sì: sicuramente è fondamentale (infatti è una delle informazioni obbligatorie, secondo il Regolamento del Parlamento Europeo 1223/2009 sui prodotti cosmetici), ma è solo una delle tante indicazioni presenti sulla confezione e, sfatiamo un mito, forse non la più importante.

La lista ingredienti, infatti, fornisce informazioni esclusivamente su quanto è stato utilizzato per formulare il prodotto. Può essere molto utile, per esempio, nel caso in cui sia presente un ingrediente al quale siamo sensibili, intolleranti o allergici. Però quello che «in gergo» è definito INCI – acronimo di International Nomenclature of Cosmetic Ingredients, ossia la nomenclatura utilizzata per elencare gli ingredienti, (la «lingua» in cui è scritta la lista) –, è solo un elenco e NON fornisce altre indicazioni utili, e anche obbligatorie, riguardo al prodotto stesso (a meno che non si abbiano competenze molto specifiche).

Cominciamo indicando altre tre informazioni importantissime e obbligatorie secondo la legge 1223/2009, che ci dicono a cosa serve il prodotto cosmetico e come usarlo:

• Funzione del prodotto: leggendo gli ingredienti, se non si lavora nel settore cosmetico (e non si è, per esempio, un formulatore), è praticamente impossibile capire se un prodotto è detergente, idratante, deodorante ecc. Per questo è un obbligo di legge specificare chiaramente la funzione (e sta al nostro buon senso utilizzare il prodotto in modo consono).
• Eventuali istruzioni e indicazioni: le modalità d’uso non possono essere comprese attraverso la lista degli ingredienti, che non dà indicazioni su come utilizzare il prodotto. Ad esempio: è a risciacquo? Il tempo di posa è definito? Possiamo applicarlo e tenerlo sulla pelle fino alla detersione successiva? (Attenzione: tutte queste informazioni devono essere scritte nella lingua del paese in cui il prodotto viene commercializzato).
• PAO (Period After Opening) ed expiry date: ovvero la durata del prodotto cosmetico stoccato in condizioni adeguate, il periodo durante il quale continuerà a svolgere la sua funzione o anche, in altre parole, la sua scadenza. Gli ingredienti non danno informazioni sull’efficacia del sistema conservante. Infatti il PAO e l’expiry date (approfondiremo il discorso successivamente… Spoiler: non sono la stessa cosa!) vengono valutati sulla base della formula complessiva, attraverso test specifici. Questo significa che un ingrediente conservante potrebbe essere molto efficace in una determinata formula, ma aver bisogno di un ingrediente di supporto in un’altra.

La confezione di un prodotto cosmetico riporta quindi molte informazioni che possono aiutarci a scegliere che cosa è meglio per le nostre esigenze, al di là degli ingredienti.

Tra le altre informazioni obbligatorie ci sono anche:

• La quantità di prodotto (solo i campioni gratuiti sotto i 5 ml o i 5 gr sono esonerati): utile anche in rapporto alla scadenza. Per esempio: una confezione che contiene una grande quantità di prodotto, il cui uso è consigliato una volta a settimana e con un PAO di sei mesi potrebbe non essere un acquisto conveniente.
• Il paese di origine, per l’esattezza dove viene prodotto il cosmetico: il «Made in».
• Il nome o la ragione sociale e l’indirizzo della persona responsabile o dell’importatore stabilito nell’Unione Europea.
• Il numero del lotto di fabbricazione per identificare il prodotto. Utile soprattutto in caso di anomalie, come scadenza precoce o reazioni di sensibilizzazione, poiché permette di tracciare il prodotto cosmetico.

In conclusione: per valutare il prodotto cosmetico nella sua interezza è utile leggere tutte le informazioni riportate sulla confezione.

Approfondiremo più avanti anche le informazioni non obbligatorie, ma utili, come i claim e capiremo insieme come leggerli e interpretarli! Alla prossima!

ARTICOLI CORRELATI