Share on facebook
Share on twitter
Share on pinterest
Share on whatsapp

La corona di Isabella

Il mio nome è Isabella, ho 31 anni e sono italiana.
Ho la carnagione del colore della terra e una chioma che ricorda quella del tiglio selvatico.
Oggi vorrei raccontarvi una storia. La storia di come, dopo tanti anni di sforzi, dubbi e incertezze, ho imparato ad amare i miei capelli AFRO.

Isabella Nuemia

Provate a immaginare di vivere una vita senza mai vedere i vostri «veri» capelli, al naturale. A me è successo proprio questo: purtroppo per molti anni li ho rifiutati. Non riuscivo a capirne la bellezza, né ad apprezzare la particolarità che ho ricevuto in dono – e che poi ho avuto la fortuna di trasmettere, in parte, anche ai miei figli. Soprattutto, non riuscivo a capire l’importanza di ciò che rappresentano storicamente, né il valore che per me hanno assunto oggi.

I capelli afro sono stati per troppo tempo un simbolo della schiavitù, giudicati non eleganti, poco apprezzati, inferiori. Anche oggi, forse inconsapevolmente, il messaggio persiste. Si è evoluto al punto da portare molte donne a rifiutare questo segno distintivo… Provate a immaginare la difficoltà di nascere e crescere in un Paese in cui rappresentate una minoranza etnica e di essere costantemente bombardate da immagini di una bellezza stereotipata, totalmente diversa da quella che vedete riflessa allo specchio ogni mattina.

Io sono cresciuta con l’idea che il capello afro fosse ingestibile, sinonimo di disordine, ma pian piano ho iniziato ad assecondare un pensiero che oggi mi è molto chiaro: «Devo essere uno stimolo per tutte le ragazze che hanno bisogno di sentirsi rappresentate e sostenute così come sono. Non posso lasciar prevalere l’idea che la bellezza aumenti esponenzialmente soltanto avvicinandosi alle caratteristiche delle donne occidentali».

Otto anni fa ho scelto di non stirarmi mai più chimicamente, né meccanicamente i capelli. In seguito – anche grazie all’incoraggiamento del mio attuale marito! – , ho deciso di non applicare più nemmeno le extension, per dare a me stessa la possibilità di riscoprirmi, accettarmi e amarmi.

Il momento più difficile per me è stata la fase di transizione: mi crescevano questi nuovi capelli sconosciuti, ma ne avevo ancora altri, stirati, che mano a mano tagliavo via.  Non sapevo più cosa aspettarmi. Ho dovuto imparare, rieducarmi, informarmi, leggere molto e provare su di me (e su altre tipologie di ricci!) prodotti, tecniche e acconciature. Per constatare che anche i miei capelli sono belli!

Ora, questa per me è diventata una specie di vocazione: una missione vera e propria. Vorrei aiutare tante altre ragazze con i miei consigli e insegnar loro a gestire i capelli afro.

Qui su MUSA vorrei provare a parlarvi della discriminazione del capello afro all’interno della società e della mia esperienza personale; della fase di negazione, di transizione e di accettazione dei miei capelli, ma anche degli strumenti che ho scoperto e che utilizzo per prendermene cura (prodotti, trattamenti, professionisti che se ne occupano).

Sicuramente se avessi saputo prima che sulla mia testa c’era una corona già pronta per essere indossata tutti i giorni, avrei deciso molto prima di tenere i miei capelli al naturale! Finalmente lo so: ho i capelli afro e va bene. Sono giusta così.

Il mio nome è Isabella, ho 31 anni e sono italiana.
Vorrei raccontare a tutti la storia della mia corona.

Seguite Isabella anche su Instagram: @isabellanuemia

ARTICOLI CORRELATI