Share on facebook
Share on twitter
Share on pinterest
Share on whatsapp

Perché i capelli sono ricci?

Mi fa sempre sorridere il rapporto controverso che abbiamo con i nostri capelli: la mia amica Beatrice li ha lisci e li vorrebbe ricci, mentre Federica, per esempio, non esce nemmeno di casa se prima non li ha stirati.

Ma vi siete mai chieste per quale ragione, quando spuntano dal follicolo, i capelli assumono un aspetto piuttosto che un altro?

Provo a spiegarvelo brevissimamente: è tutto merito (o colpa) delle cellule situate nella porzione di bulbo chiamata papilla dermica. Il loro lavoro è di suddividersi continuamente e instancabilmente in altre cellule che, sospinte verso l’esterno, permettono l’allungamento del capello.

E ora, attenzione: se queste cellule si dividono alla stessa velocità, il capello fuoriesce dal follicolo dritto come un nastro. Se invece in una zona della papilla dermica alcune cellule sono più veloci a replicarsi e si dimostrano (passatemi il termine!) più produttive, un lato del capello crescerà più velocemente, mentre il lato opposto resterà più corto, provocando l’arricciatura.

A questo proposito vi segnalo anche il mio video su YouTube, in cui mi diverto a fare alcuni esempi per mostrarvi i meccanismi di questo fenomeno.

Oltre alla velocità delle cellule della papilla dermica, esistono anche differenze qualitative del capello. I capelli ricci, infatti, presentano proteine che si uniscono fra loro in modo da rendere il capello più rigido e sostenendone la struttura elicoidale.

Vi sento già scalpitare… Vi starete chiedendo cose come «Ma perché io da bambina avevo i ricci e ora non più?» oppure «Perché dopo la gravidanza i miei capelli sono diventati lisci?».

Può accadere: chi nasce con una cascata di boccoli può ritrovarsi una chioma liscia, e viceversa. Il fenomeno può essere causato da mutazioni spontanee del nostro DNA, anche in seguito a trattamenti farmacologici e ormonali, per esempio dopo una gravidanza.

Tutti questi eventi svegliano o assopiscono alcuni geni del nostro DNA, innescando reazioni a catena sulla papilla dermica, con il risultato che un’area sia più o meno attiva dell’altra (e con la conseguente nascita del capello riccio!).

ARTICOLI CORRELATI