Vuoi ricevere la nostra newsletter? Iscriviti

Vergine: vestale della bellezza

Sta già per finire l’estate ed ecco che a spegnere l’esuberanza leonina si profila all’orizzonte la Vergine, con un’efficienza che non lascia troppo spazio nemmeno all’Io e una mente a tratti profetica.

ILLUSTRAZIONE DI SILVIA GHERRA

Le nate sotto questo segno (23 agosto-22 settembre) sono custodi di una grazia del fare sempre accompagnata da una logica stringente, da un appassionato amore per le cose – così come per i loro nomi –, e da una musicalità orchestrata su note perfette. Con un candore ancora intriso dei seducenti profumi della stagione calda, le Vergini sono governate da Mercurio, mentre Urano le sceglie per esprimere al massimo la sua millimetrica operosità tecnica. Tradotto: pensano, organizzano, controllano, calcolano, lavorano, serbano, conservano. Splendide vestali della casa con il dono dell’umiltà, valore che condividono in parte anche con la Bilancia, sono donne pressoché inarrestabili, che a volte cadono nella rete delle loro paure, ma che spesso ritrovano serenità e sicurezza nell’azione felice.

Nel 2019 la Vergine può godere anche del favore di Urano (prima decade) con una capacità di realizzazione pratica ancor più spiccata. Plutone in trigono per le nate tra il 14 e il 18 settembre regala forza e induce a lasciare le redini del controllo. Nettuno innesta sogni e chimere sulla limpidissima macchina del pensiero della seconda decade, generando un po’ di confusione. Mentre a partire da dicembre in trigono ci sarà anche Giove, con il suo ingresso in Capricorno.

Per quanto riguarda la bellezza, può capitare che la Vergine, sempre alla ricerca della perfezione, si sottoponga anche a piccoli interventi chirurgici (esaltazione di Urano, che rappresenta l’artificialità e quindi la tecnologia e la chirurgia!): non si tratta infatti di un segno particolarmente catturato da miscele troppo naturali. Per le donne nate sotto questo segno vince infatti la chimica, con le sue formulazioni più innovative. Prediligono ricette all’avanguardia e prodotti cosmetici che sappiano tenere sotto controllo l’orologio della bellezza.

Per questo motivo, abbiamo scelto di abbinare a questo oroscopo un prodotto molto particolare e leggermente fuori dagli schemi di MUSA. Parliamo di THE ABC: il correttore illuminante di EspressOH – giovane realtà italiana che si sta facendo notare ovunque in ambito make up. Tutte ne parlano, anche noi abbiamo voluto assolutamente provarlo e non abbiamo potuto fare a meno di innamorarcene.

L’acronimo ABC sta per Addictive Blending Caffeinated e ci ricorda che un buon correttore è l’abbìcì di ogni make up routine che si rispetti. Si tratta di un vero e proprio asso nella manica, perché ne basta una piccolissima quantità (davvero una gocciolina minuscola) per fondersi perfettamente con l’incarnato e coprire le occhiaie, senza lasciare pieghe ed evitando il temibile «effetto panda». Ha una texture leggerissima e una coprenza media molto efficace. Esiste in due magiche tonalità: una per pelli da chiarissime a medie/olivastre (l’abbiamo usato per tutta l’estate ed è incredibile!) e una per pelli scure.

Contiene una dose di caffeina che dona nuova luminosità allo sguardo ed è senz’altro un prodotto che non può mancare nelle borse di ogni Vergine che rispetti e che, ovviamente, aspira sempre alla perfezione.

♥ A cura di MUSA