Vuoi ricevere la nostra newsletter? Iscriviti

SOPRACCIGLIA PERFETTE

Quando ha iniziato la sua carriera di make-up artist, Cristina Angeli ha maturato la convinzione che «dipingere il viso» fosse anche «un modo per avvicinarsi all’anima delle persone, catturandone la personalità, in tutte le sue sfaccettature». Mentre lavorava per il grande Shu Uemura (leggendario make-up artist giapponese che ha letteralmente rivoluzionato il concetto di bellezza femminile) ha avuto un’intuizione che ha cambiato il suo percorso professionale per sempre: il suo maestro sosteneva che la pelle fosse una tela perfetta, e lei ha capito che le sopracciglia potevano essere «la pennellata in grado di trasformare quella tela in un’opera d’arte unica».

Da allora è diventata una «eyebrows stylist» ricercatissima, che lavora tra Milano e Roma, prendendosi cura dello sguardo di tutte le donne con amore, passione e grande professionalità. Noi la frequentiamo da tempo e ci siamo rivolte a lei ancora una volta per scoprire i segreti delle sue sopracciglia perfette!

Ciao Cristina, per prima cosa vorremmo chiederti quali sono i casi in cui è consigliabile intervenire sulle sopracciglia…
È bene sottolineare che ognuno di noi, tendenzialmente, è dotato fin dalla nascita di un arco sopraccigliare che rispetta la sua fisionomia ed è fedele al suo sguardo. Purtroppo noi donne abbiamo la mania di trasformarci e cambiare, anche quando le cose sono perfette… e per questo a volte combiniamo disastri, nella vita così come anche alle nostre povere sopracciglia. Per rispondere alla tua domanda, direi che se una persona lo desidera può provare a migliorare, ma non deve stravolgere quello che la natura gli ha donato. E, soprattutto, prima di intervenire sulle sopracciglia ricordatevi che, ahimè, fanno molta fatica a ricrescere!

Come decidi qual è la forma migliore per il viso di ognuna?
La mia formazione è quella di make-up artist, perciò quando devo valutare la forma da dare, non penso alle sopracciglia in sé, ma istintivamente mi concentro sullo sguardo, cercando di truccare la cliente senza farlo veramente. Credo che questa sia la mia peculiarità. Alcuni professionisti del settore a volte strappano senza guardare davvero gli occhi o la fisionomia delle persone, ma io credo che non sia importante raggiungere la perfezione, bensì preservare l’unicità del viso.

Che cosa dobbiamo fare per prenderci cura delle nostre sopracciglia?
Le sopracciglia fanno parte del viso: proprio come la bocca, gli occhi e il naso sono un elemento che caratterizza il volto e per questo motivo dobbiamo prendercene cura. Spazzolarle quotidianamente anche solo per dieci secondi in tutte le direzioni non solo cambia la loro forma, ma conferisce anche lucentezza e consistenza. Non tutti si rendono conto che basta davvero poco per recuperare anche le situazioni più disastrate. A volte le persone non hanno voglia e tempo di aspettare e si ostinano a «spinzettare» su forme ormai sbagliate, oppure (peggio!) per risolvere il disastro ricorrono al tatuaggio. Mentre aspettiamo che ricrescano dobbiamo occuparcene con pazienza e cura, come fossero piccoli bonsai. Dopo molti anni di esperienza ho creato con le mie mani un olio a base di ingredienti vegetali che si stende con uno scovolino e serve per rinforzare le sopracciglia spazzolandole, con cui sto ottenendo ottimi risultati.

Come si truccano in maniera impeccabile?
Potete truccarle con ombretti opachi, cercando di dare forza all’interno della rima sopraccigliare, sfumando con un pennellino obliquo verso l’esterno, così che i contorni non siano troppo netti. Alcune culture lontane prevedono disegni molto geometrici, che infondono carattere e fascino, ma noi non ci vestiamo né trucchiamo come in India e Medio Oriente… Spesso vedo in giro ragazze con sopracciglia troppo truccate e il risultato, a parer mio, non è né naturale, né particolarmente elegante.

Hai parlato di ombretti… e le matite, invece?
Le matite contengono cere ed è meglio evitarle in fase di crescita, ma anche quando si hanno delle arcate deboli dal punto di vista del volume e della densità.

Cos’altro bisogna evitare?
Sicuramente le forbici, che spesso peggiorano la situazione, creando buchi e asimmetrie e rendendo il pelo più ispido. Molti professionisti le usano per correggere vertigini o peli troppo lunghi che creano scompiglio, ma come ho già detto a volte è sufficiente pettinarle in tutte le direzioni (anche con un mascara finito, lavando prima accuratamente lo scovolino). Vi assicuro che in breve tempo saranno molto più ordinate e non avrete più necessità di tagliarle.

C’è un ultimo consiglio che vuoi darci?
Il mio consiglio è di rispettare di più quello che la natura ci ha donato e di prendercene cura come un bene prezioso. Sono convinta che le sopracciglia possano davvero rendendoci più belle e sexy, ma che possano anche fare il contrario… quindi attenzione!
Personalmente dico no alla perfezione a favore dell’unicità.

Per saperne di più seguite Cristina su Instagram: @eyebrowsaddicted

♥ A cura di MUSA