Vuoi ricevere la nostra newsletter? Iscriviti

Solari linea SUN (BioEarth)

Chi ci legge sa che quest’anno abbiamo deciso di dedicare ampio spazio a un argomento molto importante: i solari.

Ve ne abbiamo parlato ampiamente qui (insieme a Elena Accorsi Buttini) e qui, e vi abbiamo già presentato uno dei brand a cui abbiamo deciso di affidare la protezione della nostra pelle durante questa stagione estiva, anche in città, grazie a una collaborazione di cui siamo molto felici: stiamo parlando di BioEarth.

Si tratta di un’azienda che conosciamo bene (utilizziamo alcuni cosmetici – in particolare le maschere, già recensite su MUSA –, da qualche tempo ormai), e che apprezziamo perché capace di proporre sul mercato prodotti a nostro parere efficaci e davvero piacevoli da utilizzare, a un giusto prezzo.

Vi abbiamo già parlato nel dettaglio della linea Sun & City, perfetta da usare in città – a prova di MUSA –; ma ora che il sole splende fiero e battagliero, e cominciano i primi week-end fuori porta, vogliamo entrare nel merito della linea SUN.

Con la linea SUN, BioEarth propone una vasta gamma di referenze per il viso e per il corpo: tra questi, ci sono anche le lozioni autoabbronzanti, un’acqua rinfrescante (SENZA protezione!) e gli stick labbra (strumento per noi imprescindibile): date un’occhiata al sito per vederli tutti.

I solari sono stati messi a punto per proteggere la pelle dai raggi UVA e UVB, e sono stati formulati scegliendo di evitare ingredienti «controversi», su cui tanto si dibatte di recente, senza rinunciare a texture decisamente piacevoli. Questo, tradotto in altre parole, significa che i filtri solari impiegati sono – ovviamente – assolutamente sicuri e affidabili, ma anche innovativi: garantendo un’ottima protezione e spalmabilità, si prestano a essere utilizzati ripetutamente e con piacere.

BioEarth ha scelto in particolare di non inserire nelle formulazioni ingredienti come PEG e PPG, nanoparticlelle, Propylene Glycole e Carbomer o Acrilati (questi ultimi non sono ammessi dalla certificazione ICEA), tra gli altri. I ricercatori dell’azienda hanno inserito nei prodotti il sistema multifiltro chiamato BioEarth Protection Blend – costituito da una miscela di filtri minerali e chimici – e BioEarth Physical Shield (100% minerale), che rispondono appieno alla normativa europea.

Tutti i prodotti (che sono anche vegan e nickel tested) contengono invece principi attivi di origine vegetale – come per esempio l’olio di elicriso bio e l’olio di canapa bio – e sono ben tollerati anche dalle pelli più sensibili, come la nostra.

Volete sapere quali sono i nostri prodotti preferiti della linea? Ecco la selezione:

• Crema Solare Spray – protezione alta SPF50 (22€, 150ml)
Quando l’abbiamo usata: di recente durante un paio di gite domenicali all’aperto e in questi giorni afosi, sotto il perfido sole milanese. Ha dimostrato la sua efficacia in particolare in un’occasione tragicomica (alcune parole chiave per descriverla? Mezzogiorno, solleone, sciopero dei mezzi, fila chilometrica per un taxi sull’asfalto di piazzale Cadorna. Outfit: FKA twigs in Cellophane, pur non avendo il corpo pazzesco di FKA twigs, ovviamente). Ha superato il test. La nostra pelle bianchissima non si è minimamente arrossata.

Che cosa contiene: una selezione di filtri solari chimici e fisici che proteggono dai raggi UVB e UVA, ma anche estratto di cocomero, estratto di malva, estratto di avena, estratto di calendula, olio di girasole, estratto di elicriso.

Perché ci piace: ha una formula leggerissima e garantisce un’applicazione uniforme, pratica e veloce. La texture è super piacevole: è un vero e proprio latte che si stende con estrema facilità. Si assorbe velocissimamente, senza bisogno di lunghi massaggi e non unge affatto. Tra i tanti solari SPF50 provati negli ultimi anni, questa è sicuramente nella nostra personale top three. Dall’episodio di piazzale Cadorna, la portiamo sempre con noi, in borsa. È adatta a chi ha la pelle molto chiara e reattiva al sole. Del tutto priva di profumo.

• Crema solare con filtro minerale – protezione media SPF25 (24€, 150ml)
Quando l’abbiamo usata: essendo normalmente consigliata a chi ha la pelle già abbronzata (e non è il nostro caso, come avrete capito), l’abbiamo messa alla prova  durante le nostre passeggiate e le solite corse all’aperto (leggi: Giardini Indro Montanelli, Milano) in primavera – quando il sole ancora si faceva desiderare –, soprattutto nel mese di maggio, sia sul viso che sul corpo (d’estate preferiamo usare una protezione più alta anche quando facciamo sport, figuriamoci al mare o in piscina).

Che cosa contiene: filtri solari minerali al 100%, in grado di proteggere dai danni provocati dai raggi UVB e UVA (lo ripetiamo: sempre se utilizzata nel modo corretto, come tutti i solari). È inoltre ricca di sostanze funzionali ad azione nutriente ed emolliente, come l’olio di Monoi de Tahiti, l’olio di girasole, l’estratto di elicriso, l’estratto di malva e l’estratto di calendula.

Perché ci piace: pur essendo corposa è anche estremamente soffice e non risulta pesante una volta applicata, anche se bisogna avere la pazienza di spalmarla con cura, grazie a un leggero massaggio (dopo il quale non ne rimane traccia alcuna). Priva di profumo, riporta il vago e dolce sentore dell’olio di Monoi de Thaiti, affatto persistente. Non lascia addosso alcuna sensazione di pesantezza, ma si fonde sulla pelle lasciandola idratata e vellutata. Perfetta in particolare per chi ha la pelle secca e sensibile (è davvero molto confortevole, quasi impercettibile, addosso) non la consigliamo però alle pelli miste o grasse, che probabilmente preferiscono formule più leggere.

Nota bene: ricordatevi che le creme spray sono più pratiche e si spalmano più facilmente, ma che l’applicazione va rinnovata spesso, perché il prodotto ha meno adesività; le creme tradizionali invece (che hanno un’adesività maggiore) sono più adatte anche al viso, nonostante possano risultare un pochino più difficili da spalmare. Ricordatevi inoltre che per essere sempre efficacemente protette dovete utilizzare la giusta quantità di prodotto e riapplicarlo spesso (in particolare dopo il bagno o la doccia, anche se riporta la dicitura «waterproof»).

Stick labbra doposole (7€, 7ml)
Quando l’abbiamo usato: a dire il vero, da quando lo abbiamo provato per la prima volta, non lo abbiamo abbandonato un solo istante. Lo abbiamo usato ogni giorno, sempre. Con il sole, con la pioggia, e anche di notte prima di andare a dormire: è stato amore a prima vista, di quelli che non si scordano mai.

Che cosa contiene: burro di cacao, cera d’api, fiori di Monoi de Thaiti, olio di mandorle dolci, olio di girasole, vitamina E.

Perché ci piace: è un balsamo soave davvero speciale, formulato per reidratare le labbra dopo l’esposizione al sole, ma noi lo utilizziamo come un normale burrocacao; per via della sua azione filmante, infatti, protegge dalle aggressioni ambientali e coccola le labbra con estrema dolcezza. Ha un profumo lieve e irresistibile – il profumo dolce dell’estate, per eccellenza: quello dei fiori di Monoi – una consistenza fondente, un effetto leggermente gloss. Ha un unico difetto, se così si può definire, del tutto trascurabile: essendo morbidissimo, va tenuto lontano dalle fonti di calore, perché tende a sfarinarsi leggermente.

Acqua Rinfrescante all’aloe (14€ 300ml)
Quando l’abbiamo usata: in questi giorni di afa, anche in ufficio (ebbene sì, siamo personcine un po’ eccentriche); dopo la corsa (perdonate l’insistenza, ma è l’unico sport a cui ci dedichiamo assiduamente); dopo l’ennesima doccia della giornata, quando non abbiamo la forza di spalmare la crema o l’olio idratante. Si può vaporizzare direttamente sul viso e sul corpo per ridurre la sensazione di calore e favorire l’idratazione della pelle.

Che cosa contiene: succo di aloe vera, estratto di tè verde, estratto di salvia. Attenzione: NON contiene protezione solare.

Perché ci piace: è un prodotto pensato per essere applicato dopo l’esposizione ai raggi solari, per regalare una sensazione di freschezza e sollievo, ed è un toccasana per chi soffre il caldo, anche in città. Non unge e lascia la pelle morbidissima. È una specie di rugiada benefica, che può salvare la vita in situazioni di caldo estremo.

Shampoo-doccia antisale (15,50€ 200ml)
Quando l’abbiamo usato: testato in città, purtroppo.  Ma diventerà un prezioso alleato quando dovremo cercare di ridurre al minimo il beauty case per il prossimo fine settimana a base di sole, acqua salata, spiaggia, (cene a piedi nudi in riva al mare, ecc.).

Che cosa contiene: succo di aloe, estratto di elicriso, estratto di tè verde, olio di canapa.

Perché ci piace: perché è un prodotto pratico, due in uno, che funziona. Deterge delicatamente grazie alla presenza di tensioattivi delicati di origine vegetale, senza aggredire la pelle. A differenza di altri prodotti simili funziona molto bene anche come shampoo. Lascia i capelli morbidi e delicatamente profumati. Ve ne parleremo di certo più dettagliatamente dopo il nostro primo agognato incontro con il mare.

♥ A cura di MUSA