Vuoi ricevere la nostra newsletter? Iscriviti

Sagittario: la bellezza si fa freccia

Sibila tra le fronde con un rapido fruscìo e punta al bersaglio: la freccia del Sagittario, scoccata dal suo arco robusto, conosce la direzione. Le nate tra il 23 novembre e il 21 dicembre vanno avanti, e vanno lontano. Non a caso, simbolicamente, la parte del corpo associata a questo segno corrisponde alle gambe, spesso lunghe e scattanti, sempre pronte ad avventurarsi in paesi sconosciuti, in perenne ricerca che diventa piacere della scoperta e punto di partenza per un ennesimo viaggio, anche interiore.

ILLUSTRAZIONE DI SILVIA GHERRA

Eccole qui con la loro faretra: favolose amazzoni a cui per scaldarsi basta un fuoco di brace, invernale come i mesi che falcano. L’energia non è quella primordiale dell’Ariete né quella sontuosa del Leone, ma è vera e propria energia cinetica, che riesce a trasformare la cerebralità dello Scorpione in azione felice, la sua chiusura in espansione gioviale (Giove e Nettuno pianeti domiciliati), la sua lotta intestina in propulsione dinamica e vitale. Positive, istintive, mai troppo pensierose, con un amore per l’insegnamento che spesso traducono in professione, le donne Sagittario sono come le ninfe di Diana: flessuose e abili cacciatrici, esploratrici della foresta, riescono a tradurre lo slancio di un’idea in energia pronta all’uso – poi massimizzato e sistematizzato dal segno successivo del Capricorno. La loro forza è la fiducia, quella morbidezza rotonda che Giove conferisce al segno, unita alla meta lontana indicata da Nettuno: un traguardo agognato, che si può e si deve raggiungere.

Se il 2019 è stato contraddistinto da Giove nel segno, che ha colorato di un sorriso più largo la loro bellezza, il 2020 si prospetta come un anno «neutrale», in cui il cielo allenta la sua presa. A parte Nettuno opposto per la seconda decade (in particolare, le nate tra il 9 e il 13 dicembre) per cui i miraggi diventano più confusi e indistinti, nel 2020 l’affastellamento dei pianeti lenti e semilenti in segni di Terra non tocca le Sagittario in modo diretto. Saturno ai primissimi gradi dell’Aquario in primavera in strepitoso sestile, ma solo per le nate tra 22 e 23 novembre. Per tutte, invece, Marte in Ariete in trigono la seconda metà dell’anno: energia a non finire.

Per quanto riguarda la bellezza, non indoriamo la pillola a una Sagittario. Si va diritte al punto, possibilmente facendo centro con un prodotto che sostenga il loro dinamismo. Per questo MUSA ha pensato di abbinare a questo segno un prodotto cosmetico che ha l’aspetto e l’efficienza dei rimedi di un tempo: la pomata al mirtillo e ippocastano di BioEarth della nuova linea Herbalist perfetta per dare sollievo a gambe e caviglie. Contiene estratto di ippocastano, di mirtillo e di centella, con oli essenziali di eucalipto e succo di aloe vera. Va massaggiata con movimenti circolari fino a completo assorbimento. Una volta aperta, conserva la pomata in frigorifero per esaltare l’effetto rinfrescante.

♥ A cura di Francesca Coppola
Francesca è laureata in Storia dell'arte e collabora con diverse case editrici milanesi, come redattrice. Appassionata di astrologia fin dall'adolescenza, segue regolarmente i corsi tenuti da Marco Pesatori. In qualità di bilancia è felice di prestare il suo contributo a MUSA, per promuovere «il bello, il buono e il giusto».