Vuoi ricevere la nostra newsletter? Iscriviti

Rivoluziona il tuo beauty

«Quando sai cosa stai facendo, allora puoi fare quello che vuoi.»
(Moshé Feldenkrais)

Di questi tempi scegliamo che cosa acquistare con sempre maggiore consapevolezza e attenzione al nostro benessere. Ma come ci comportiamo di fronte alla scelta dei prodotti per la cura e l’igiene del nostro corpo? Quale insidie si nascondono dentro ai nostri amati e odiati beauty case?

È arrivato il tempo di imparare a scegliere con un po’ di buon senso, grazie a qualche piccolo e semplice accorgimento. Forse non tutti sanno che ogni prodotto riporta – obbligatoriamente e per legge, di solito sul retro delle confezioni –, tutto ciò che è necessario sapere. È proprio lì, a portata di mano, sotto forma di una lista di nomi che è assolutamente possibile e importante imparare a decifrare. Stiamo parlando del famigerato INCI (leggi: International Nomenclature of Cosmetic Ingredients), ovvero, più semplicemente, della lista degli ingredienti che compongono il prodotto in questione.

Non dobbiamo essere chimici esperti per capire, anche a colpo d’occhio, se le trovate pubblicitarie che tanto c’invogliano ancora, sono promesse da marinaio o hanno qualche fondamento reale. Proprio come quando leggiamo l’etichetta di un abito o gli ingredienti di un pacco di biscotti, impareremo insieme a capire che cosa comprare e cos’altro, invece, lasciare sullo scaffale dei supermercati (delle erboristerie o delle farmacie) e, quindi, fuori dal nostro beauty case.

MUSA Smallbatchphoto
Foto di Smallbatchphoto

Quali cosmetici sono davvero «naturali»? Tutto ciò che è «naturale» è buono? Che significa «ecobio»? Cosa sono questi terribili parabeni, di cui tutti parlano? Come si fa a distinguere un ingrediente inutile o addirittura potenzialmente dannoso da un altro che invece fa esattamente ciò per cui è stato inserito in una formulazione cosmetica – ovvero detergere, idratare, nutrire, esfoliare?

Non basta fidarsi dei consigli, delle promozioni o delle frasi a effetto (spesso senza senso) che troviamo riportate a caratteri cubitali sulle confezioni. È invece assolutamente necessario imparare a capire che cosa stiamo acquistando e soprattutto che cosa stiamo per spalmarci voluttuosamente addosso. Non è semplice districarsi nel mondo della cosmesi «ecobio», perché il territorio è vasto e affatto privo di insidie, ma di certo è possibile orientarsi, per imparare anche in questo settore a scegliere consapevolmente.

♥ A cura di MUSA