Share on facebook
Share on twitter
Share on pinterest
Share on whatsapp

Vi presentiamo Camilla: storica e preziosa contributor di MUSA

Oggi vogliamo presentarvi meglio Camilla Piccardi, storica penna di MUSA, che è stata con noi fin dagli esordi – e che continuerà nei prossimi mesi a condividere scoperte, riflessioni e consigli su mondo del make up e della skincare.

Ciao Camilla! Cosa vuoi raccontare di te alle lettrici di MUSA?
Ciao! Sono Camilla, ho 26 anni e vivo a Bergamo. Lavoro come copywriter per un’agenzia creativa di Milano e, ormai dal lontano febbraio 2019, faccio parte del team di contributor di MUSA, un progetto editoriale super speciale che mi ha permesso di unire due mie grandi passioni: la scrittura e il beauty.

Il tuo segno zodiacale?
Leone – ascendente Vergine e luna in Gemelli, in caso qualcuno volesse testare la nostra compatibilità.

Tre aggettivi per descriverti…
Indipendente, curiosa, tragicomica.

Come è nato il tuo amore per la skincare e che cosa rappresenta per te?
Credo che la mia passione per la skincare sia andata di pari passo con quella per la Corea. Da adolescente giocavo molto più con il make up che con creme e maschere viso, finché non vidi il mio primo drama: rimasi galvanizzata dalle scene in cui le protagoniste applicavano diversi prodotti secondo un ordine religioso, picchiettandoli delicatamente sulla pelle. Iniziai a informarmi sulla skincare routine coreana, a cercare i primi prodotti – che all’epoca erano praticamente introvabili, perché del «layering» si sapeva poco o niente – e iniziare pian piano a strutturare la mia routine. Oggi come allora, la skincare è un modo per prendermi cura di me stessa e dedicarmi del tempo, per sentirmi e volermi bene.

Che tipo di pelle hai e come hai imparato a prendertene cura?
Ho una pelle un po’ ballerina, che va da normale a secca, a seconda del periodo dell’anno. Sicuramente avrò commesso qualche errore negli anni, soprattutto all’inizio del mio percorso di «skincare aholic», ma banalmente ho imparato a prendermi cura di lei, osservandola e ascoltandola con attenzione: con il tempo e la pazienza ho capito quali ingredienti, texture e step ama in modo particolare e la rendono super glow, come piace a me!

Qual è lo step della tua beauty routine a cui tieni di più?
Posto che non potrei rinunciare a nessuno degli step, direi che senza una buona detersione non vado da nessuna parte. Più una menzione speciale per l’SPF… è possibile?

Un prodotto di bellezza a cui non rinunceresti mai…
Per par condicio ne citerò uno per la skincare e uno per il make up: una buona crema idratante per pelli sensibili/secche e un correttore leggero per le mie occhiaie e discromie onnipresenti.

Le tue più grandi passioni, oltre alla skincare, invece?
Il make up, il cinema e in quest’ultimo anno mi sono appassionata molto alle piante (attualmente camera mia ne ospita una ventina).

Un libro, un film, una serie tv, una canzone, che ti rappresentano?
Non so dire se mi rappresentano nel vero senso della parola, però questi sono i miei ultimate favourites:
Lolita, di Vladimir Nabokov
Rosemary’s baby, di Roman Polanski
True Detective
So Happy I Could Die, Lady Gaga

Il tuo posto preferito al mondo?
Seoul, il paradiso dei cosmetici e del cibo piccante. Cosa posso volere di più?

Che cosa farai/scriverai per MUSA?
Sarò felice di accompagnarvi nel magico mondo della skincare, fatto di detergenti, tonici, sieri, creme e tanto altro, di testare prodotti e condividere le mie opinioni con voi. È sempre bene specificare che si tratta di una sfera estremamente soggettiva e condizionata dalla nostra tipologia di pelle, quindi non troverete verità assolute, ma spunti e recensioni utili a strutturare la routine migliore per voi. Fatto questo disclaimer, vi mando un grosso bacio e ci vediamo su MUSA!

ARTICOLI CORRELATI