Vuoi ricevere la nostra newsletter? Iscriviti

Impara a leggere l’INCI

Avventuriamoci alla scoperta dell’INCI ovvero degli ingredienti che compongono i nostri prodotti di bellezza, per cominciare a familiarizzare con questa lunga lista di nomi apparentemente incomprensibili.

Ecco le cinque cose che dovete assolutamente sapere:

1. L’INCI (International Nomenclature of Cosmetic Ingredients) non è altro che la lista degli ingredienti che compongono i cosmetici. È obbligatorio per legge e si trova generalmente sul retro delle confezioni di tutti i nostri prodotti di bellezza. È una specie di «ricetta» scritta in latino e in lingua inglese.

2. L’ordine degli ingredienti non è casuale ma decrescente, in base alla concentrazione fino all’1%. In altre parole: il primo ingrediente è presente in maggior quantità. Se, per esempio, vi dicono che una crema viso è a base di olio di rosa mosqueta, ma questo ingrediente è riportato tra gli ultimi dell’elenco, evidentemente la crema NON è a base di olio di rosa mosqueta.

3. La composizione è importantissima: non ci sono ingredienti da demonizzare, per categoria o per sentito dire. Attraverso l’INCI, bisogna imparare a prestare attenzione alla percentuale di ingredienti «cattivi» presenti nelle formulazioni e decidere, di conseguenza, se si tratta di un prodotto accettabile/efficace/inutile o addirittura potenzialmente dannoso (per noi o per l’ambiente).

4. Ingredienti naturali: si identificano facilmente perché sono sempre indicati con il loro nome latino. Se accanto al nome c’è un asterisco* significa che quell’ingrediente proviene da agricoltura biologica. Il nome in latino è sempre seguito dal nome della parte impiegata (frutto, radice, foglie) e della tipologia di prodotto (olio, estratto, acqua), in lingua inglese. Per esempio: l’olio di mandorle dolci sarà indicato come «prunus amygdalus dulcis oil», l’acqua di rosa centifolia come «rosa centifolia flower water».

Pablo Picasso, Ragazza che legge

5. Ingredienti chimici: in quasi tutti i prodotti cosmetici sono presenti anche ingredienti che derivano da sintesi chimica. Non tutti sono dannosi e alcuni sono necessari (per esempio i conservanti). Sono indicati con il nome chimico in inglese, seguito generalmente da numeri. Le sostanze chimiche che compongono i prodotti di bellezza sono: i coloranti, i tensioattivi, gli emulsionanti, i conservanti, i coloranti e i profumi.

Impareremo insieme a riconoscere gli ingredienti inutili o potenzialmente dannosi e le virtù di quelli benefici. Ma nel frattempo andate a prendere la vostra crema viso e cominciate ad allenarvi. Collegatevi al sito di ecobiocontrol: digitate il nome degli ingredienti riportati sull’etichetta (uno alla volta, oppure tutti insieme, accertandovi di separarli da una virgola e di eliminare le parentesi) e scoprirete se hanno un semaforo verde (e sono quindi «ecocompatibili») oppure rosso (e quindi, preferibilmente, da evitare).

♥ A cura di MUSA