Vuoi ricevere la nostra newsletter? Iscriviti

BB Cream

Avete presente il lunedì (ma anche il venerdì) mattina? Quando suona la sveglia delle 6:00 e voi dovete riuscire a riprendervi da una serata impegnativa, per correre al lavoro? Indugiare a letto può significare solo due cose: rinunciare alla colazione (che si dice sia il pasto più importante della giornata) oppure rinunciare a rendersi presentabili, per far pace con la propria immagine riflessa allo specchio e uscire di casa serenamente. Che fare?

Se siete come me e non riuscite proprio a rinunciare a nulla, può esservi d’aiuto un interessante cosmetico dalla natura ibrida, che si colloca a metà strada tra make-up e skincare: la BB Cream.

Illustrazione di Cinzia Zenocchini

L’acronimo BB sta per Blemish Balm, ovvero «balsamo per le imperfezioni». Da questa traduzione vagamente maccheronica, si possono intuire le proprietà idratanti e correttive di un prodotto spesso sottovalutato, per via della coprenza blanda, ma di facile utilizzo, davvero perfetto per le giornate in cui andiamo di corsa: basta applicarne una piccola quantità da massaggiare direttamente con le dita, senza bisogno di scomodare pennelli e spugnette, e via!

Nonostante abbia raggiunto l’apice della fama soltanto nel 2012 – anno in cui questo rivoluzionario belletto è stato importato dalla Corea del Sud – la prima formulazione della BB Cream risale (udite, udite!) agli anni ’60. All’epoca, infatti, la dermatologa tedesca Christine Schrammek ha ideato una crema protettiva da applicare sulla pelle delle pazienti reduci da operazioni chirurgiche ed estetiche. La formula originale era simile a un composto galenico: conteneva pochi principi attivi molto semplici ma estremamente efficaci, come l’ossido di zinco e il bisabololo: ingredienti dalle preziose proprietà lenitive e disarrossanti.

Nel 1985 il prodotto ha raggiunto il mercato coreano, in pieno boom economico, dove ha riscosso immediato successo, diventando oggetto di studi e manipolazioni che hanno portato alla nascita del cosmetico che oggi tutti conosciamo e di cui – perlomeno io –, non possiamo più fare a meno!

Ormai da un po’ di tempo stiamo mettendo alla prova in prima persona diversi prodotti, e ci sentiamo finalmente di darvi qualche consiglio.

Iniziamo con la BB Cream di INIKA (che potete acquistare sul sito di Giada Distribution).

INIKA è un’azienda nata a Sidney nel 2006 con l’obiettivo di applicare la nuova consapevolezza ecologica e la diffusione di uno stile di vita «green» anche al campo della cosmesi. Questa visione pionieristica ha consentito al brand di farsi strada nell’universo beauty australiano (e non solo) in qualità di vero innovatore.

Oli nutrienti (di semi di uva, girasole, jojoba e avocado) combinati ad antiossidanti naturali come l’argan, ma anche a vitamine e minerali, costituiscono la base di questa BB Cream dal finish luminoso che non solo uniforma, ma nutre e coccola la pelle delicatamente. Tra gli ingredienti figura anche l’olio di rosa canina che, oltre a donare al fondo un profumo piacevole senza essere invadente, possiede ottime proprietà antiage. La consistenza cremosa permette di lavorare il prodotto facilmente e di distribuirlo in maniera uniforme con il semplice ausilio dei nostri polpastrelli.

Un altro brand da cui ci siamo lasciate conquistare è PuroBIO, azienda italiana nata nel 2014 e diventata ben presto una realtà affermata, che porta avanti una missione ben precisa: utilizzare ingredienti biologici di alta qualità e offrire un’ampia gamma di prodotti per il make-up a una fascia di prezzo ragionevole.

Caratterizzata da una consistenza più pastosa (un neo trascurabile, che si risolve facilmente aggiungendo al prodotto una punta di crema idratante o una goccia del vostro olio preferito) e di conseguenza da una coprenza più elevata, la BB Cream Sublime è ricca di ingredienti vegetali che proteggono il viso dagli agenti atmosferici e mantengono la pelle idratata a lungo. Tra questi spiccano lo squalene – alleato prezioso delle pelli più secche e sensibili, a cui abbiamo dedicato un intero articolo –, idrolato di salvia e olio di albicocca, burro di karité e tocoferolo, che aiuta a prevenire gli effetti dannosi dei raggi UV.

BEAUTY TIP: per una resa impeccabile e una durata prolungata, potete usare la BB Cream combinata a un buon primer. In questo caso, il mio consiglio è il Certified Organic Pure Primer di INIKA: una base vegana portentosa, ricca di ingredienti preziosi che nutrono e uniformano la grana della pelle prima dell’applicazione del fondo.

♥ A cura di Camilla Piccardi
Diplomata al liceo artistico e laureata in scienze della comunicazione, oggi lavoro per diverse realtà editoriali on e offline. Mi vengono bene due cose: scrivere e sperimentare beauty da autodidatta. Il risultato? Ora mi trovate su MUSA a dispensare consigli utili, ma non richiesti.