Vuoi ricevere la nostra newsletter? Iscriviti

Speciale estate: capelli

Attraverso i capelli possiamo esprimere in qualche modo chi siamo: è forse una delle parti del corpo a cui prestiamo maggiore attenzione, anche se purtroppo non sempre riusciamo a farli apparire come vorremmo. Soprattutto d’estate, quando i raggi del sole e la salsedine li mettono a dura prova, ci ritroviamo spesso con cespugli crespi e secchi… invece che con chiome setose e fluenti.

È per questo motivo che abbiamo chiesto ad Antonio Tomasi – professionista di Rovereto, esperto nella cura e nella crescita dei capelli, con particolare attenzione alla selezione di prodotti specifici ed ecobio –, di svelarci tutti i trucchi per mantenere i capelli sani anche in questa stagione e di indicarci nel dettaglio cosa fare prima, durante e dopo le tanto desiderate vacanze.

Illustrazione di Burrnd

A differenza di quanto si possa pensare, a danneggiare i capelli non è semplicemente il calore: come abbiamo visto anche parlando dei solari, la colpa è dei raggi ultravioletti (UVA e UVB) e della salsedine, che penetrano attraverso le squame dei capelli e li disidratano profondamente. Per questa ragione è fondamentale mantenerli sempre idratati, soprattutto se sono sottili, molto decolorati o tinti di biondo (poiché queste tipologie hanno già squame molto aperte e necessitano di una cura quasi maniacale).

Per avere capelli perfettamente idratati Antonio consiglia di chiedere al vostro parrucchiere di fiducia di effettuare una ricostruzione, ovvero un trattamento in grado di dare protezione e nutrimento al capello, apportando acidi grassi e proteine, al fine di mantenere la struttura coesa e le squame chiuse. Idealmente questo trattamento dovrebbe essere effettuato sia prima della partenza per il mare, in modo da preparare il capello, sia al ritorno, per riparare eventuali danni.

In aggiunta alla ricostruzione e per mantenerne i risultati, si possono effettuare a casa una serie di maschere idratanti, ma purtroppo queste – a differenza di un trattamento professionale specifico –, non riescono a fornire la quantità di proteine di cui spesso si ha bisogno (e che comunque varia, in base al tipo di capello).

Sul mercato esistono tantissimi prodotti protettivi, ma fate attenzione a quello che contengono: cercate per esempio di evitare oli vegetali come l’olio di cocco o l’olio di semi di lino, perché bruciano a bassa temperatura e possono danneggiare i vostri capelli. L’unico olio accettato è l’olio di jojoba, perché è molto grasso e ha caratteristiche simili al burro, non brucia e anche ad alte temperature riesce a liberare le sue proprietà benefiche e nutrienti. Vanno benissimo invece i burri, che hanno un punto infiammabile molto alto, come ad esempio il burro di karité.

Per non sbuffare ogni sera di ritorno dalla spiaggia, Antonio ci ha suggerito alcuni piccoli e validi accorgimenti:

Ogni mattina: dopo averli spazzolati, applicate sui capelli asciutti una crema idratante, preferibilmente a base di burro di karité. Attenzione, perché il prodotto che utilizzate NON dovrebbe contenere zinco-piritione: viene usato spesso come protettivo per il sole, ma è esageratamente chimico e non permette al capello di respirare.
In spiaggia: dopo ogni bagno è importantissimo sciacquare abbondantemente i capelli per togliere la salsedine e applicare uno spray idratante a base di sostanze super nutrienti, come il miele o lo sciroppo d’acero. Se non amate fare il bagno, potete applicare comunque lo spray ogni due o tre ore (o più frequentemente, se i vostri capelli appartengono alle categorie più «a rischio»).
Ogni sera: lavate i capelli con prodotti delicati che nutrano il capello e diano elasticità alla struttura. Vanno benissimo i prodotti per capelli colorati, dal momento che sono più ricchi, e le creme (balsami), da applicare non solo sui capelli ma anche sulla cute, in modo da idratare la pelle.

Per quanto riguarda l’asciugatura e lo styling, usate tranquillamente phon e piastra, con un’accortezza:  ricordate sempre di usare la piastra sui capelli perfettamente asciutti e di acquistare solo piastre che emettano calore controllato in un range tra i 180° e i 190°, provviste di chip interno che controlli e mantenga costante il calore durante l’utilizzo. La temperatura deve rimanere la stessa per tutta la passata, dalla radice alle punte (se si abbassa siamo costrette a ripassare la piastra più volte e i capelli potrebbero rovinarsi).

Seguendo questi consigli i vostri capelli saranno sempre sani e morbidi e riuscirete certamente a gestirli al meglio.

Un’ultima cosa: affidatevi sempre a professionisti esperti come Antonio, che non cercano solo di proporvi il colore e il taglio del momento, ma che si prendono cura dei vostri capelli con amore, aggiornandosi e ricercando sempre i prodotti e i trattamenti migliori.

Prodotti consigliati:
Antonio consiglia la linea di prodotti professionali del brand Philip Martin’s – in particolare:
• La crema Immersive, da usare al mattino sui capelli asciutti.
• Tutta la linea Maple (a base di sciroppo d’acero) per la detersione e, in particolare, lo spray da utilizzare in spiaggia.

Antonio Tomasi ha un’esperienza ventennale come consulente beauty e dirige un team di professioniste cresciute insieme a lui all’interno del suo laboratorio di Rovereto (Hair Lab Creation), dove si occupa di bellezza e benessere a 360°. Fonda il suo lavoro sulla ricerca, lo studio e la formazione costanti, in particolare per quel che riguarda la tecniche di taglio, colore e acconciatura, presso accademie come Saks UK, Toni&Guy, Accademia Formare di Firenze, Farouk Systems e Baeutick. Tra le altre cose, ha studiato anche come make-up artist presso Kyrolan International.

♥ A cura di Arianna Tovazzi
Arianna ha una laurea in Igiene Dentale e dal 2012 collabora con diversi studi dentistici tra Rovereto e Bolzano. Si occupa di prevenzione delle principali patologie che possono colpire il cavo orale, anche impegnandosi a dare ai suoi pazienti i consigli giusti per uno stile di vita sano. Da molti anni ricerca e approfondisce quotidianamente diversi aspetti della «medicina naturale», al fine di preservare il benessere globale della persona.