Vuoi ricevere la nostra newsletter? Iscriviti

SIERO ANTIETÀ

Superati i trent’anni è necessario cominciare a correre ai ripari, scegliendo prodotti specifici per combattere l’invecchiamento cutaneo, e orientarsi verso cosmetici con formule via, via più complesse.

Se ancora non lo fate, noi vi consigliamo caldamente di inserire nella vostra beauty routine il siero: un concentrato di sostanze antietà che, utilizzato ogni giorno insieme alle tradizionali creme, ha la funzione di un vero e proprio trattamento intensivo, idratante, restitutivo e nutriente.

Sapete che il processo d’invecchiamento cutaneo inizia solitamente già intorno ai 25-30 anni? A quest’età, infatti, comincia a rallentare il turnover cellulare, così come la produzione di collagene ed elastina, mentre aumenta la produzione di radicali liberi. Questo significa che la pelle (purtroppo) si assottiglia, il colorito diventa più spento e opaco per via della ridotta ossigenazione dei tessuti, può comparire qualche macchiolina (dovuta all’attività irregolare dei melanociti), così come le prime rughe.

Non vi spaventate! Solo se si conosce «il nemico», si può provare a combatterlo. La buona notizia, infatti, è che negli ultimi anni i laboratori di ricerca hanno studiato i meccanismi del DNA e individuato i filamenti da proteggere per mantenersi giovani, così come i principi attivi capaci di stimolare la produzione di collagene ed elastina. Alla luce di queste ricerche, l’industria cosmetica utilizza ingredienti mirati, per formulare prodotti che possano prevenire e trattare i segni dell’invecchiamento.

HANNA HOCH, FOR A RED MOUTH

Non rinunciate mai a un buon siero e sceglietelo con molta cura: poche gocce del prodotto giusto, utilizzato con costanza sulla pelle perfettamente detersa, prima della crema, può davvero migliorare il vostro aspetto. I sieri ben formulati sono in grado di idratare a fondo, nutrire, rigenerare e tonificare viso, collo e décollété. Non sottovalutatane l’importanza e, ovviamente, cercate di acquistare sieri ecobio, preferibilmente privi di ingredienti chimici dannosi che annullano l’effetto benefico di altre sostanze.

Nel bellissimo libro di Umberto Borellini, la Divina Cosmesi, il professore cita ingredienti anti-age interessanti ed estratti botanici molto validi, di cui riportiamo una selezione:

Sostanze con azione protettiva e rigenerante: olio di avocado, d’oliva e di riso, burro di karitè.

Sostanze capaci di contrastare i radicali liberi: vitamina A (retinolo), vitamina C (acido asorbico), vitamina E (tocoferolo) ed estratti ricchi di flavonoidi e polifenoli come gli estratti di tè (Camelia sinensis), di gingko (Gingko biloba), di uva (Vitis vinifera) e di rosmarino.

Sostanze rassodanti e in grado di aumentare il tono della cute: estratti di salvia (Salvia officinalis), soia (Glicine soia), luppolo (Humulus lupus) e kigelia (Kigelia africana).

Sostanze in grado di mantenere idratata la cute, di trattenere l’acqua e rallentarne l’evaporazione senza causare occlusione (attenzione quindi agli oli minerali e ai petrolati!): acido jaluronico, betaina da barbabietola e sericina – che si ricava dal baco da seta.

Sotanze restitutive ed emollienti: cera liquida di jojoba (Buxus chinensis), olio di borragine (Brago Officinalis) e altri derivati lipidici naturali e dermoaffini.

Nell’INCI del vostro siero cercate questi principi attivi! Controllateli su ecobiodizionario e prestate attenzione ai semafori rossi.

Non fidatevi degli slogan pubblicitari. Ricordatevi che se un prodotto è «a base di olio d’avocado» deve avere l’olio di avocado tra i primi posti della lista d’ingredienti che lo compongono, e che «a base di sostanze naturali» non significa nulla. Controllate voi stesse che cosa contengono i prodotti che state per acquistare.

E tenete presente che non è necessario spendere una follia per portare a casa un prodotto efficace. In commercio ne esistono moltissimi (recentemente vi abbiamo parlato di quello di Biofficina Toscana, per esempio) con texture piacevoli e profumi sontuosi.

Il professor Borellini scrive: «Gli studi hanno anche mostrato che la produzione di serotonina e dopamina, i neurotrasmettitori del buonumore, ha effetto anche sulla cute, che appare più trofica, luminosa, persino più idratata».

Divertitevi a sperimentare e trovate il prodotto più giusto per voi e per le vostre esigenze. Prendersi cura di sé, oltre che un dovere, dev’essere anche un piacere: una scusa per inventare un nuovo rituale, per imparare a volersi più bene, per  diventare sempre più consapevoli… E per questo più belle.

♥ A cura di MUSA