Vuoi ricevere la nostra newsletter? Iscriviti

BURRO DI KARITÉ

Il burro di karité è un eccellente cosmetico naturale che, proprio come il più modaiolo olio di cocco, può essere impiegato in mille modi diversi.

Viene estratto dal nocciolo dei frutti della Vitellaria paradoxa, una pianta alta e imponente che cresce spontanea nelle regioni dell’Africa occidentale e che gli indigeni chiamano «pianta della salute e della giovinezza».

Si presenta di colore giallo paglierino e ha una consistenza semisolida, morbida e fondente. È caratterizzato da un profumo piuttosto intenso, ma non persistente, che a noi personalmente ricorda quello del cioccolato alle nocciole.

Ricco di grassi insaturi e vitamine (A, B, E e F), presenta un alto contenuto di sostanze insaponificabili, utili a preservare la naturale elasticità della pelle. Oggi viene utilizzato nella formulazione di creme e balsami per viso, corpo e capelli, grazie anche al fatto che si assorbe con facilità, senza lasciare residui. Lo trovate segnalato nell’INCI come Butyrospermum Parkii Butter.

Il burro di karité ha moltissime virtù:

• È idratante, emolliente e rigenerante;
• Lenitivo e cicatrizzante;
• Elasticizzante, super nutriente e antiossidante;
• Protegge efficacemente dall’aggressione degli agenti atmosferici.

Rientrate dalle vacanze è diventato per noi un alleato irrinunciabile. Ecco come lo utilizziamo:

1. Per coccolare i piedi e curare i talloni screpolati: dopo la pedicure, massaggiate una generosa quantità di burro di karité, indossate un paio di calze e lasciatelo agire tutta la notte.

2. Per prenderci cura dei capelli stressati dal sole e dalla salsedine (se non avete letto l’articolo di Arianna dedicato alle vostre chiome, rimediate subito!): applicate il burro di karité su tutta la lunghezza e lasciate agire per almeno mezz’ora, preferibilmente coprendo i capelli con un asciugamano caldo. Procedete con lo shampoo.

3. Per fare uno scrub naturale che aiuta a mantenere l’abbronzatura più a lungo (eliminando le cellule morte e stimolando la rigenerazione dei tessuti): aggiungete un cucchiaio di zucchero al burro di karité e massaggiate il composto su tutto il corpo, insistendo in particolare su gomiti e ginocchia.

Tra le altre cose, vi segnaliamo che il burro di karité è utilissimo durante l’allattamento per prevenire la dolorosa formazione di ragadi; può trasformarsi in un ottimo dopobarba; se applicato all’interno delle narici aiuta a diminuire la congestione delle mucose nasali; è ottimo per i massaggi, perché favorisce la circolazione arteriosa e venosa locale; protegge le labbra dal freddo creando un efficace film protettivo; è un toccasana sulla pelle arrossata o irritata.

Potete acquistarlo online su Ecco-Verde o Macrolibrarsi.

Una raccomandazione: consigliamo di optare per l’acquisto di un burro puro, biologico e ottenuto attraverso la spremitura a freddo, che mantiene intatte le sue proprietà.

 

♥ A cura di MUSA